PRIMA SQUADRA: ANCORA UNA VITTORIA

PRIMA SQUADRA: ANCORA UNA VITTORIA
05/11/2018

Terza vittoria consecutiva per 1 a 0 per l’Infernotto che si impone ancora una volta con il minimo scarto sul difficile campo della Roretese, dove la squadra di casa fino a ieri non aveva mai perso ed aveva conquistato tutti i suoi punti.
L’inizio partita era a favore dell’Infernotto che imponeva il suo gioco e cercava di rendersi pericoloso con trame manovrate, da par suo la roretese cercava gli attaccanti con lanci lunghi rinunciando al fraseggio.
Al 17’ primo brivido per la difesa di casa, Sellam con una punizione calciata dal limite impegnava Pagliano in una difficile parata con palla smanacciata in angolo sopra la traversa. Al 20’ l’episodio chiave del match, L’infernotto con una grande azione manovrata sulla destra partita con una fuga di Kouthar, previo pallonetto al diretto avversario, che poi toccava per Granero che dal fondo crossava al centro dove la difesa ed il portiere di casa bucavano l’intervento la palla arrivava a Sellam, ben appostato all’interno dell’area, che con freddezza calciava a botta sicura e insaccava il goal del 0 a 1.
Gli unici pericoli per la difesa infernottese arrivavano con 2 conclusioni da lontano una al 10’ e l’altra al 23’ entrambe con Marengo che però si spegnevano sul fondo con Gilli in controllo.
La grande occasione per il raddoppio l’Infernotto l’aveva al 45’ del primo tempo con Sellam che calciava dal limite dell’area da ottima posizione, su imbeccata di Gili dalla sinistra, ma la conclusione finiva a lato alla sinistra dell’immobile Pagliano che osservava la palla andare sul fondo.
Dopo questo brivido finale l’arbitro decretava la fine del primo tempo.
Il secondo tempo, disputatosi su un campo ancora più pesante rispetto al primo a causa dell’ulteriore pioggia caduta nella prima frazione di gioco, seguiva la falsa riga del primo con gli ospiti a controllare le azioni offensive dei locali e a cercare di colpire di rimessa. I pericoli maggiori l’Infernotto li correva al 13’, con una punizione di Veglio dal limite ma nell’occasione era bravissimo Gilli a volare all’incrocio dei pali e a deviare la conclusione, e al 15’ quando con un’incursione dalla destra Spada si presentava a tu per tu con Gilli ma la conclusione si stampava sul palo con la difesa che poi liberava. Dopo i 2 pericoli scampati l’Infernotto si riorganizzava e conduceva una gara attentissima dal punto di vista difensivo e nonostante al 26’ fosse rimasto in 10 per l’espulsione di Kouthar non correva ulteriori rischi a discapito del forcing dei padroni di casa che inserivano tutti giocatori d’attacco, vista anche la superiorità numerica.
Dopo 4 minuti di recupero l’arbitro decretava la fine dell’incontro sancendo la meritata vittoria degli opsiti.