PRIMA SQUADRA: SCONFITTA AMARA

PRIMA SQUADRA: SCONFITTA AMARA
27/11/2017

Brutta partita quella disputata tra Moretta e Infernotto presso il campo sportivo di Moretta. A parziale giustificazione del poco spettacolo fornito dalle compagini le pessime condizioni del terreno che sicuramente non hanno agevolato lo svolgimento delle trame di gioco. Al di là di tutto però le occasioni da goal latitano davvero, il gioco molto frammentato e con molte interruzioni da parte del mediocre arbitro non fanno decollare il match. La prima vera palla goal l’ha avuta l’Infernotto al 39’ del primo tempo quando sugli sviluppi di un calcio d’angolo Calafiore, sul secondo palo, salta più in alto di tutti, Sperandio battuto ma Vaillatti ben appostato sulla linea di porta riesce a liberare. Calcio d’angolo che si era procurato Kankam con una pregevole azione all’interno dell’area morettese con tiro finale deviato in angolo in extremis da un difensore. Da parte Moretta l’unico squillo da segnalare una conclusione su punizione dalla lunga distanza calciata da Vaillatti, palla che rimbalza pericolosamente di fronte a Chisari bravo a bloccare la palla.
Il secondo tempo si sviluppa sulla stessa frequenza d’onda del primo si segnala al 14’ un goal giustamente annullato al Moretta, con Tortone che prima di battere al volo a rete spinge Rostan a terra impedendogli di rinviare, e la rete del 1 a 0 realizzata al 26 minuto. Goal realizzato grazie all’astuzia degli uomini più esperti del Moretta. Infatti sugli sviluppi di una punizione sulla tre quarti di attacco della squadra di casa, Vaillatti, batte subito la punizione, mentre gli uomini di Triberti si stanno ancora sistemando, pescando all’interno dell’area il solissimo D’agostino, in verità in sospetto fuorigioco, che con rapidità batte a rete rendendo inutile ogni tentativo di recupero da parte della difesa ospite. La partita praticamente non ha più niente da dire e questo sarà il goal che deciderà le sorti finali dell’incontro. L’Infernotto con i cambi cerca di dare nuova linfa alle sue azioni e benché abbia mantenuto per tutta la partita il pallino del gioco non riesce nella realizzazione di una rete. Da parte sua il Moretta capitalizza al massimo l’occasione avuta e incassa 3 punti che lo portano nelle zone alte della classifica.
Il risultato più giusto sarebbe stato un pareggio ma come si sa gli episodi a volte sono fondamentali per le sorti delle partite, e in questo caso una distrazione dell’Infernotto sullo sviluppo della punizione del vantaggio è stata fatale.
Per la cronaca da segnalare che al 39 l’Infernotto rimane in 10 per l’espulsione diretta di Pizzolla reo, a parere dell’arbitro, di aver colpito con un calcio un avversario a gioco fermo.